no dal molin

Sabato 17 febbraio

MOBILITAZIONE NAZIONALE PACIFISTA A VICENZA
CONTRO L'AMPLIAMENTO DELLA BASE MILITARE!!!

UNIONE, PRODI: MA DOVE ANDATE? ANCHE VOI, ANCORA IN GUERRA?

Dopo lo schiaffo ai pacifisti rappresentato dalla decisione di consentire l'allargamento della base di Vicenza, occorre dare un segnale forte e chiaro contro la logica della guerra, spingendo i parlamentari pacifisti a non votare il rifinanziamento delle missioni militari e partecipando in massa alla MANIFESTAZIONE PACIFISTA DEL 17 FEBBRAIO A VICENZA.
Afghanistan e Vicenza, infatti, rappresentano due facce della stessa medaglia, la volontà dei paesi occidentali di gestire su scala globale una politica di guerra.
La missione in Afghanistan, del resto, sta fallendo miseramente, al pari di quella irachena, generando non solo lutti e distruzioni ma ulteriori fratture tra il nord ricco del pianeta e i tanti sud che sono coinvolti dalle avventure militari.
Lo stesso ruolo della Nato non si spiega né si giustifica in un tale contesto, se non come strumento di dominio e di controllo geopolitico.
In questo contesto le rassicurazioni del governo non rassicurano per niente.
Proporre una "conferenza di pace" o "aumentare l'intervento dei civili" è inutile e sbagliato se non si decide di avviare il ritorno dei militari e di dichiarare fallita l'ipotesi della guerra condotta dalla Nato.
Non è con la politica delle concessioni formali che il governo può risolvere questa vicenda.
Abbiamo già visto, lo scorso luglio, che fine hanno fatto l'Osservatorio sulle missioni e gli impegni presi sulle servità militari.
Pensiamo che tutti i parlamentari che si dichiarano pacifisti non debbano pià votare questa missione.
La questione della base di Vicenza non la riteniamo affatto chiusa. Innanzitutto perchà prosegue la lotta sul territorio, in cui ci sentiamo pienamente impegnati a partire dalla manifestazione del 17 febbraio.
Inoltre, questa lotta dovrebbe avere anche una ripercussione istituzionale: i parlamentari che si dichiarano pacifisti presentino una mozione contro l'allargamento della base di Vicenza, da votare in aula, chiedendo cosà al governo e alla sua maggioranza di assumere una responsabilità precisa su una questione che ha e avrà ampie ripercussioni sul futuro dell'Unione, non solo nel Veneto ma in tutto il paese.

Ai soci ed agli amici di Arci Metromondo chiediamo di sostenere questa posizione, soprattutto impegnandosi a partecipare alla grande mobilitazione pacifista del 17 febbraio a Vicenza, per dire:

NO ALLA GUERRA! NO AL DAL MOLIN!
VIA DALL'AFGHANISTAN!
RIDURRE FORTEMENTE LE SPESE MILITARI!
BASTA ARMI, BOMBE E MISSILI: PIU' POSTI DI LAVORO, PIU' SERVIZI E SPAZI SOCIALI, PIU' STATO SOCIALE!

TRENO SPECIALE per la partecipazione alla manifestazione del 17 febbraio a Vicenza

partenza ore 10.00 dalla Stazione di Porta Garibaldi
ritorno dalla stazione di Vicenza alle ore 19.00.
Costo 15 euro (che comprende anche i costi per gli spot a Radio Popolare e per l'assemblea di mercoledi 14)
Ritrovo soci ed amici di Metromondo all'interno della Stazione Garibaldi alle ore 9.15, vicino all'edicola (ci sarà lo striscione).
Le prenotazioni si possono fare direttamente a Metromondo oppure per telefono 02.89159168 (anche lasciando un messaggio in segreteria telefonica), o per posta elettronica metromondo@tin.it